Pubblicazioni 2010

05/10/2010

Mondo Cinese

La Cina si riprende la scena - Numero 143


La Cina si riprende la scena. Da comparsa ad attore protagonista della scena internazionale. Non con un colpo di teatro ma con passi graduali e ben ponderati, che l’hanno portata a estendere la sua influenza, i suoi capitali, la sua cultura all’estero prima di qualsiasi altro Paese al suo stesso livello di sviluppo. Oggi, è bene ricordarlo, la Cina ha un reddito pro capite paragonabile a quello di Paesi come il Suriname e la Namibia. Se nel 1972 il matematico americano Edward Lorenz sosteneva che il batter d’ali di una farfalla in Brasile potesse scatenare un tornado in Texas, esprimendo in maniera efficace che una piccola e singola azione può generare variazioni macroscopiche in un sistema, non è difficile comprendere quanto l’integrazione di questo Paese abbia potuto sconvolgere gli equilibri economici e politici. La frase attribuita a Napoleone – di cui a volte si abusa – è molto calzante: “Quando la Cina si desterà, il mondo tremerà”. La Cina ri-nasce e si ri-prende una posizione che le spetta per storia, geografia e demografia. Si apre, forse con un pizzico di fortuna, in un contesto di eccezionale apertura mondiale, in un momento in cui diamo il nome di globalizzazione alla crescita progressiva delle relazioni e degli scambi a livello internazionale. Grazie a questo fenomeno che paradossalmente, secondo alcuni, doveva servire la superiorità del mondo avanzato e consolidare la dipendenza dei Paesi in via di sviluppo, la Cina emerge e diventa la seconda economia del mondo nel 2010. 

Condividi sui Social

Leggi l’editoriale

Indice

Editoriale

RELAZIONI INTERNAZIONALI
Franco MAZZEI
Una potenza revisionistica?

ECONOMIA E MANAGEMENT Gloria BARTOLI
Il nuovo ruolo mondiale per il renminbi
Francesca SPIGARELLI - Paola BELLABONA
Go Global e crisi mondiale
KE Yinbin - SHEN Yang
Fusioni e acquisizioni: i fattori chiave
Fabio BERTONI
China Investment Corporation, luci e ombre
Alessandro ARDUINO - Maria Cristina BOMBELLI
La gestione delle persone nel Fondo Sovrano cinese

CULTURA E SOCIETÀ Stefania STAFUTTI
Il ruolo degli Istituti Confucio
Sabrina RASTELLI
Il soft power dell’arte

OSSERVATORIO Loretta NAPOLEONI
Ha vinto Marx

L’OPINIONE GAO Hucheng Viceministro del commercio
Intervista di Rita FATIGUSO
XU HANG, Presidente Mindray
Intervista di Thomas ROSENTHAL

SEGNALIBRO "Germogli di Società civile”
A cura di RENZO CAVALIERI e IVAN FRANCESCHINI
di Alessandra SPALLETTA

Per iscrizioni: lavezzoli@italychina.org

In Fondazione

I Soci

Iscriviti alla Newsletter della
FONDAZIONE ITALIA CINA

Fondazione Italia Cina

Via Clerici, 5 - 20121 Milano - Italia
Tel +39 02 72000000
info@italychina.org

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.